Statistiche di accesso

IN PRIMO PIANO
Supercomputer predicts optical and thermal properties of complex hybrid materials
 
Materials Today | 23.10.2018
Image credit: Volker Blum/Duke University

ULTIMI ARTICOLI    Tutti gli ARTICOLI

NANOTECNOLOGIE
PoliMI: realizzati nano-circuiti magnetici che consentiranno lo sviluppo di nuovi sistemi più veloci, flessibili e compatti di elaborazione dell’informazione nei processori del futuro
24.10.2018

Testo dell’articolo

MATERIALI COMPOSITI
Strutture adattive: all’ETH Zürich si stanno sviluppando materiali compositi a sandwich con struttura a traliccio in fibra di carbonio per renderli leggeri, resistenti e in grado di cambiare forma
03.10.2018

Testo dell’articolo

MICROTECNOLOGIE
SiMoT, una tecnologia basata su un dispositivo bio-elettronico, è in grado di rivelare una singola molecola di proteina, un risultato che potrebbe rivoluzionare la diagnostica medica
11.09.2018

Testo dell’articolo

HIGHLIGHTS    Tutti gli HIGHLIGHTS
Using microphotonic chips, EPFL scientists are able to generate coherent ultrashort pulses
 
EPFL | 19.10.2018
Image credit: Erwan Lucas/EPFL
When light, not heat, causes melting: study reveals the details of light-induced phase changes
 
MIT | 15.10.2018
Image credit: MIT/Stanford University/Skoltech
ULTIME NEWS   |   Tutte le NEWS
Realizzati i syncell, robot in serie di dimensioni cellulari
26.10.2018 – Piccoli robot chiamati syncell, non più grandi di una cellula (10-100 μm), potrebbero essere prodotti in serie utilizzando un metodo, chiamato autoperforazione, che consente di controllare a scala nanometrica il processo di fratturazione naturale di materiali fragili 2D di spessore atomico. Descritti da ricercatori del MIT su Nature Materials nell’articolo Autoperforation of 2D materials for generating two-terminal memristive Janus particles, questi microscopici dispositivi robotici, con struttura esterna di grafene ed interna di materiale polimerico contenente l’elettronica, potrebbero essere utilizzati per il monitoraggio industriale o biomedico.
Image credit: Felice Frankel
Stampanti 3D di nuova generazione grazie ai raggi X
18.10.2018 – Un team di ricerca, coordinato dall’Università di Torino, ha scoperto che è possibile modificare le proprietà di alcuni materiali bombardandoli con fasci di raggi X, limitandone i difetti alle nanoscale. A differenza dei laser, i raggi X, infatti, possono lavorare in profondità, e per la prima volta è possibile utilizzarli per modificare in modo controllato i legami tra gli atomi. Con questo nuovo approccio è possibile trasformare un materiale superconduttore in isolante e viceversa. Pubblicato su CrystEngComm in Structural and functional modifications induced by X-ray nanopatterning in Bi-2212 single crystals, questo risultato consentirebbe, tra l’altro, anche la realizzazione di stampanti 3D di nuova concezione.
Image credit: NOVITOM

Materiali carbon-based e 2D Micro e nano-tecnologie Fotonica e opto-elettronica
Materiali per l’energia Processi e materiali avanzati

PERSONE ED EVENTI IN EVIDENZA

The inventor of STochastic Optical Reconstruction Microscopy (STORM) is one of six winners of the 2019 Breakthrough Prize
 
Nature | 17.10.2018

“Invisible Glass”, the nanotexturing technique that render glass surfaces invisible, wins 2018 Create the Future Design Contest Grand Prize
 
Brookhaven National Laboratory | 15.10.2018

INGEGNERIA IN VIDEO    Tutti i VIDEO

Liquid Printed Pneumatics: the first printed inflatables materials
Video credit: Self-Assembly Lab, MIT/BMW Design Department

PUBBLICAZIONI DI RICERCA SEGNALATE

Carbon Nanotube Bundles with Tensile Strength Over 80 GPa
Nature Nanotechnology (2018), DOI: 10.1038/s41565-018-0141-z

Abstract

Low-Speed-Camera-Array-Based High-Speed Three-Dimensional Deformation Measurement Method: Principle, Validation, and Application
Optics and Lasers in Engineering (2018), DOI: 10.1016/j.optlaseng.2018.03.009

Abstract

Polarity governs atomic interaction through two-dimensional materials
Nature Materials (2018), DOI: 10.1038/s41563-018-0176-4

Abstract